FLAVIO OLIVA | Documentary Filmmaker

INSOSPETTABILI RITRATTI DEL MARE NOSTRUM

Nel Mar Mediterraneo vivono alcune delle specie marine più comuni ma il loro comportamento ci rivela incredibili sorprese.

Reportage pubblicato sul National Geographic Magazine 
Testo e fotografie di Flavio Oliva

Le seppie ci guardano e ci riconoscono

“Nonostante la stagione secca, da tre giorni il cielo è coperto da un velo grigio e la pioggia continua a cadere incessantemente. Il terreno fangoso trasforma le buche in pantani sempre più difficili da superare anche con le quattro ruote motrici del fuoristrada. Ieri, a causa della fitta pioggia che oscurava la vista dal parabrezza, sono quasi finito contro un branco di elefanti mimetizzati dagli alberi”.

Ad accompagnarmi in questo lavoro c’è Steven, Capitano dei Rangers della Riserva Masai Mara che collabora con il Kenya Wildlife Service nelle attività di monitoraggio e anti bracconaggio. Uno dei suoi compiti più interessanti è senza dubbio quello di osservare lo stato di salute dei grandi felini della Riserva.

Da quindici giorni seguo Steven nei suoi percorsi attraverso la savana e ogni tanto c’è il tempo per svolgere qualche piccolo affare quotidiano. 

“Nonostante la stagione secca, da tre giorni il cielo è coperto da un velo grigio e la pioggia continua a cadere incessantemente. Il terreno fangoso trasforma le buche in pantani sempre più difficili da superare anche con le quattro ruote motrici del fuoristrada. Ieri, a causa della fitta pioggia che oscurava la vista dal parabrezza, sono quasi finito contro un branco di elefanti mimetizzati dagli alberi”.

Ad accompagnarmi in questo lavoro c’è Steven, Capitano dei Rangers della Riserva Masai Mara che collabora con il Kenya Wildlife Service nelle attività di monitoraggio e anti bracconaggio. Uno dei suoi compiti più interessanti è senza dubbio quello di osservare lo stato di salute dei grandi felini della Riserva.

Da quindici giorni seguo Steven nei suoi percorsi attraverso la savana e ogni tanto c’è il tempo per svolgere qualche piccolo affare quotidiano. 

Il nucleo era composto da due femmine adulte, tre maschi e una giovane femmina.
Dopo quasi due ore passate con loro e dopo aver scattato i ritratti per Steven, sarà una delle leonesse a farmi capire che il tempo era scaduto.
Un ruggito profondo nella pioggia scrosciante e il suo sguardo puntato nel mio, chiudono questa splendida opera messa in scena da madre natura.
La pioggia sembra accompagnare i leoni che si allontanano dalla scena per un “bis” che purtroppo non ripeteranno, ma la speranza e la fiducia è che nel futuro siano altri ad assistere alle prossime interpretazioni.

L’Africa è davvero la culla della vita.
In questi luoghi si possono rievocare sensazioni ancestrali. Dagli odori pungenti portati dal vento, ai paesaggi che nascondono le grandi sagome degli animali e i rumori che si acutizzano alle orecchie per distinguere l’acqua del fiume che scorre, dal calpestio dell’erba di un predatore in agguato. Qui tutto riconduce ad un tempo lontano in cui l’uomo doveva ancora collocarsi nella propria nicchia dominata dalla grande fauna. 

Il nucleo era composto da due femmine adulte, tre maschi e una giovane femmina.
Dopo quasi due ore passate con loro e dopo aver scattato i ritratti per Steven, sarà una delle leonesse a farmi capire che il tempo era scaduto.
Un ruggito profondo nella pioggia scrosciante e il suo sguardo puntato nel mio, chiudono questa splendida opera messa in scena da madre natura.
La pioggia sembra accompagnare i leoni che si allontanano dalla scena per un “bis” che purtroppo non ripeteranno, ma la speranza e la fiducia è che nel futuro siano altri ad assistere alle prossime interpretazioni.

L’Africa è davvero la culla della vita.
In questi luoghi si possono rievocare sensazioni ancestrali. Dagli odori pungenti portati dal vento, ai paesaggi che nascondono le grandi sagome degli animali e i rumori che si acutizzano alle orecchie per distinguere l’acqua del fiume che scorre, dal calpestio dell’erba di un predatore in agguato. Qui tutto riconduce ad un tempo lontano in cui l’uomo doveva ancora collocarsi nella propria nicchia dominata dalla grande fauna. 

Appunti di viaggio:
“Immaginate un mondo senza tutto questo, senza le emozioni che avete provato leggendo questo articolo. Preservare questi habitat è fondamentale per l’equilibrio di tutte le specie, compresa la nostra”.

IMMAGINI REALIZZATE CON FOTOCAMERE DIGITALI E PELLICOLA –  CANON EOS 5D + CANON EOS-1N

CONDIVIDI QUESTA STORIA

Copyright © Flavio Oliva Documentary Filmmaker | Copyright © Explorers Society Srls –  All rights reserved